Come regolare la pressione dell'acqua dopo la sostituzione del vaso espansione autoclave

Vasi espansione su https://amzn.to/35dF1m4 Dopo una settimana di lavastoviglie, lavatrice, caldaia, ed altri elettrodomestici afflitti da vari malfunzionamenti e soprattutto docce a 5 gradi ho deciso di porre un rimedio a questa tediosa situazione anche perché diventare divulgatore delle miracolose proprietà delle docce fredde, che possono fare di te una persona migliore e vincente, mi sembra irrispettoso nei confronti di quelli che per risolvere problemi magari anche di tipo esistenziali preferisco usare trapano, sega, cacciavite,  martello, magari computer e snocciolare il rosario appellandosi a tutti i santi del calendendario passando anche ai beati se i primi non dovessero bastare. Dunque mi sono infilato nel primo brico che ho incrociato sulla mia strada, ho preso il vaso di espansione per autoclave che ad occhio mi sembrava più simile a quello che, sicuramente non più funzionante alla perfezione è causa di tutti questi altri succitati malfunzionamenti, senza badare troppo alle specifiche tecniche, d'altronde tornarci per sostituirlo o con le specifiche tecniche esatte, non avrebbe fatto differenza. La pressione che garantisce un funzionario regolare degli elettrodomestici è tra circa i 2 ed i 4 bar e negli edifici con cisterna autoclave il regolatore di tale pressione è il vaso di espansione. Un sistema autoclave è composto essenzialmente da una cisterna dove fluisce l'acqua dell'acquedotto, una pompa che preleva l'acqua dalla cisterna, un vaso di espansione dove viene pressurizzata l'acqua prelevata dalla pompa, un pressostato che controlla la pompa in base alla pressione minima e massima raggiunta dal acqua e due valvole di non ritorno di cui una posta prima ed una dopo la pompa che servono rispettivamente  ad impedire di far ritornare l'acqua nella cisterna e a prelevale l'acqua dall'autocave quando la pressione dell'acquedotto è insufficiente o nulla in mancanza di acqua. In tal modo il sistema autoclave ha il duplice compito di mantenere la portata ideale d'acqua e di riserva d'acqua proporzionale alla grandezza della cisterna. Tutti i componenti dell'impianto autoclave sono correlati fra loro per dimensionamento e potenza e nel complesso devono soddisfare le utenze da servire. Per scegliere la dimensione ed il tipo vaso di espansione  bisogna principalmente far riferimento alla potenza ed alla portata della pompa. Per sostituire un vaso di espansione basta svitare il vecchio in senso antiorario e riavvitare il nuovo in senso orario avendo l'accortezza prima di procedere di far defluire tutta l'acqua dell'impianto dopo aver staccato la pompa dalla corrente,  aver coperto con teli di plastica le componenti elettriche potenzialmente esposte ad eventuali schizzi d'acqua,  aver chiuso tutti i rubinetti generali sia dell'acquedotto che della cisterna, aver guarnito la filettatura con un po' di canapa per evitare perdite ed aver controllato la pressione a vuoto del vaso di espansione che deve essere uguale a quella riportata sulle specifiche tecniche. Se il vaso di espansione nuovo  è identico a quello vecchio probabilmente basterà riaprire tutti i rubinetti generali,  ricollegare alla rete elettrica la pompa e testare che tutto funzioni correttamente, altrimenti bisognerà ritarare l'intervallo d'intervento del pressostato. Di solito il pressostato si presenta come una scatoletta di plastica attaccata alla pompa, rimosso il coperchio si accede a due viti che servono a regolare la pressione di attacco e di stacco della pompa, girando in senso orario la vite a sinistra si alza sia la pressione minima che quella massima e viceversa mentre girando la vite a destra in senso orario si alza solo la pressione massima e viceversa, ma per sicurezza meglio controllare sulle specifiche del proprio pressostato. Nel mio caso ho tarato il pressostato per fare accendere la pompa poco prima dei 2 bar e farla spegnere a circa 2,5 bar, in modo tale che con un rubinetto tutto aperto la pompa lavori per circa 10 secondi e rimanga staccata circa 20 secondi, se la pompa non stacca mai bisogna abbassare la soglia di intervento. Durante le operazioni di montaggio bisogna fare attenzione alle incrostazioni che staccandosi possono creare dei problemi alle valvole di non ritorno oppure intasare i ronpigetto sui rubinetti. Se il malfunzionamento del vaso di espansione dipende dalla rottura del polmone cioè la sacca in gomma interna è possibile per alcuni modelli trovare un ricambio compatibile e provvedere alla sostituzione solo di esso risparmiando qualche decina di euro e soprattutto inquinando molto meno. Dedico questa riparazione  alle docce fredde che hanno temprato il mio spirito dandomi le capacità che anni di esperienza da idraulico fai da te non sono riusciti a darmi. Declino ogni responsabilità per eventuali danni a persone, animali e cose eventualmente occorsi a chi volesse imitare la procedura illustrata nel video che ha scopo di puro intrattenimento. Iscriviti al canale. Grazie per la visione. Ciao.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mini Lavatrice Portatile Pieghevole, Mini lavatrice portatile da viaggio a turbina per lavatrice con vestiti ripiegabili a forma di vasca pieghevole, lavatrice elettrica piccola per lavatrice a turbo